venerdì 24 aprile 2015

Vedo!… poker di sportster.

mi garba la primavera.
mi garbano gli sportster.
mi garbano le riviste di moto.

quindi ritrovarmi appena dopo cena, magari dopo un bel piatto di asparagi lessi e un paio di ova nostrane, rigorosamente provenienti da spacciatori locali di fiducia, con la luce del sole che, nonostante sia già tramontato, tinge il cielo di quell'azzurro intenso precedente la notte, a scrivere di qualche bel piccolo di mamma Harley per una rivista come LowRide, è sempre un piacere ed un'enorme soddisfazione.

ieri sera mettevo a posto il garage… quanti ricordi.
è incredibile come certi bulloni in un vasetto di vetro richiamino episodi, persone, emozioni a tanti anni di distanza.
i primi portachiavi con i dadi, che mi regalò Simone, El Rana, a casa di Adriano, il volantino di uno dei primi raduni dei Joyriders a Petroio che segnava l'inizio della stagione, biglietti, bigliettini, un portapacchi di acciaio inox fatto da un amico fabbro per la shadow, poi riadattato allo sporty, per partire in due verso la Sicilia o la Spagna…

se penso a come questa passione mi abbia rapito, a come ho cambiato il modo di vedere le cose, al fatto che venga coinvolto per scrivere riguardo a queste moto da qualcuno che mi invita a farlo confidando che riesca a dire qualcosa di interessante, sono lusingato.

Negli ultimi quattro anni ho scritto di quattro sportster, molto diversi, sempre in primavera, due volte a giugno e due volte ad aprile, sembra davvero una mano di poker con quattro carte uguali, due rosse e due nere…

… ed ogni volta ho avuto l'onore di raccontare quello che quattro bravissimi fotografi avevano immortalato con il loro lavoro.

Nel 2012, a giugno, Luca Mattioli per il mille di Fabbietto.


Nel 2013, a giugno, Simone Romeo, per il novecento di David. 


Nel 2014, ad aprile, Marco Frino, per l'otto-otto-tre di Mary.


Nel 2015, ad aprile, Matteo Boem, per il milledue di Tomas.


Quest'ultimo è in edicola ancora per pochi giorni prima che esca il nuovo numero di LowRide.

Tomas lo avevo conosciuto telematicamente su un forum una decina di anni fa'.
Vendeva i doppioni dei suoi Street Chopper anni settanta.
Poi mi scrisse una mail per farmi i complimenti in merito a quello che stavo facendo col blog,
perché non sapeva lasciare un commento.
Oltre a quello che mi ha raccontato quando ci siamo visti e diventati amici, riassuntomi in quest'occasione con un corredo fotografico d'annata struggente,
mi son riletto tutte le mail che ci siamo scambiati in questi anni.
Ripercorrono la costruzione di questo chopper, tutti gli stati d'animo di chi ha tenuto duro per arrivare a realizzare un sogno.

Quando un paio d'anni fa' lo invitammo a portare il suo chopper alla Gas Station House in occasione del primo Invitational, arrivò lanciato come un missile.
In sella.
In Solitaria.
In strada dal Friuli.
In marzo.
Fiero come la merda.

(pic credit Tenebro)

Pochi minuti dopo Marco Frino lo fotografò.


Tomas incarna il concetto di schiavo dell'entusiasmo con cui ho intitolato la mostra fotografica di Marco dedicata agli scatti fatti al covo.

Venite domani a la Mescita e vedrete scatti di moto vere e di gente vera…

… e se ventuno anni fa' uno sporty, in Aprile, non avesse fatto capolino nella mia vita, dalla copertina del primo Freeway Italia in edicola, non credo prorpio che tutto questo sarebbe successo.

(pic credit Garry Stuart)

giovedì 16 aprile 2015

Enthusiasm's Slaves in Tearsvalley.



Dopo il successo dell'anteprima al Sanremo Motor Bike Show, la mostra fotografica di Marco Frino, arriva in Tearsvalley, la prossima settimana.

Enthusiam's Slaves è una selezione di immagini tra quelle scattate da Marco alle oltre quaranta moto custom e chopper, con relativi proprietari/costruttori, durante le due edizioni del Tearsvalley Invitational svoltesi nel marzo 2013 e nell'ottobre 2014 negli spazi della GasStationHouse.

Si tratta di 16 stampe 70x50 molto suggestive, ciascuna accompagnata da un breve didascalia, che saranno esposte presso La Mescita Wine Bar di Borgo a Buggiano in Corso Indipendenza n. 155.

Sabato 25 aprile Marco presenzierà al Vernissage: dalle ore 18:00 ci sarà un buffet inaugurale accompagnato da drink e buona musica di sottofondo. 

La mostra proseguirà fino a domenica 10 maggio, ogni giorno dalle ore 18.00 escluso il lunedì. 


Marco Frino nasce a Genova nel 1972.
Si avvicina alla fotografia all'età di diciassette anni, frequentando il Liceo Artistico della sua città. Successivamente frequenta diversi corsi di specializzazione a Milano.
Partecipa a corsi di stampa bianco e nero, a concorsi fotografici e visita mostre. La fotografia diventa subito una grande passione, coltivata sul campo. 
Fedele compagna d'avventura è una vecchia Nikon FM. Grazie a questa macchina fotografica Marco comprende che “ci sono molteplici punti di vista nel mondo ed il suo è attraverso l’obbiettivo”.
Presto attratto dalla fotografia turistica, Marco dedica diversi anni della sua vita a Corsica e Costa Azzurra, sviluppando in questo modo collaborazioni importanti con clienti di pregio nell’ambito della pubblicità e dell’industria.
Marco fonda con Roberto Merlo, specialista di fotografia aerea, lo studio Merlofotografia. Ad oggi Merlofotografia ha l’esclusiva per la comunicazione, pubblicità, ufficio stampa e gestione dell’archivio per l’Acquario di Genova. 
Diverse riviste giornalistiche scelgono le immagini della Merlofotografia: Bell’Italia, Ulisse, Specchio, Venerdì di Repubblica, diverse testate edite da Condé Nast, Meridiani, Focus, Yacht Capital, Yachting & Style e molte altre
Fra i diversi eventi realizzati spicca la mostra fotografica “Genova in Panoramiche Fotografiche”, presentata presso le librerie Feltrinelli. Partecipa a una mostra collettiva 30x30 in Brasile ad Antibaia, organizzata da DareArte; tra gli altri espositori figurano Emanuele Luzzati e Renzo Piano.
La rivista Nikon Pro, distribuita in 27 paesi e stampata in circa 70 mila copie, pubblica la foto “Camaleonte” di Marco Frino, riconoscendolo come rappresentante della fotografia italiana in un panorama europeo.
In questi anni Marco Frino e Merlofotografia si specializzano nel campo della fotografia crocieristica e della cantieristica navale; sempre più aziende e compagnie affidano a loro  le immagine per cataloghi e altre applicazioni
Marco inoltre va in moto e collabora da anni con le riviste leader del settore Lowride Magazine e Chop'n'Roll, per le quali ha curato reportage anche sui laghi salati dello Utah, sull'asfalto della sfavillante New York City e sulla sabbia dei deserti africani.

Inoltre, per chi fosse in zona prima e dopo la mostra

Sabato 25 aprile dalle ore 15.00 è aperto il Parco di Villa Bellavista


e domenica 26 aprile sono aperti i giardini del Castello di Buggiano. 



Apertura al pubblico del sistema museale dei giardini privati del castello di Buggiano

Domenica 26 aprile e domenica 3 maggio si svolgerà l'edizione 2015 de "La campagna dentro le mura" con orario 9-13 e 14-19. 

Sarà possibile visitare i dicionnove giardini e orti segreti del borgo di Buggiano Castello (PT), guidati dai proprietari alla scoperta delle varietà di agrumi e piante ornamentali, in un itinerario fra gli spazi verdi privati del castello, accompagnati da musica e degustazioni di dolci a base di agrumi. 

Inoltre, sarà possibile visitare la collettiva d'arte contemporanea "Mo.C.A. in collina" (Palazzo Pretorio); visitare la Badia Romanica dedicata a Maria SS. della Salute e San Nicolao Vescovo; partecipare ai laboratori didattici della coop. Keras (Piazzetta Ricordati, ore 11-15-17); visitare l'esposizione di antichi strumenti agricoli e utensili domestici (Ex scuderia Serrmolli); visitare l'esposizione della collezione di agrumi dell'azienda Oscar Tintori.

Da Borgo a Buggiano sarà possibile salire verso il castello grazie al sistema gratuito di navette.

Biglietto: € 7.00 intero- € 5.00 ridotto

La manifestazione è organizzata da Associazione Culturale Buggiano Castello e Comune di Buggiano, patrocinata da Provincia di Pistoia, Regione Toscana e "Anciper EXPO", con la collaborazione di FAI - Fondo Ambiente Italia e Unicoop Firenze; sponsor dell'iniziativa: Toscana Energia, Banca di Pescia, Puccinelli Costruzioni, Giorgio Tesi Group, Cinelli piume e piumini, Oscar Tintori, Caffè Gran Crema, Salpi piumini.

Per informazioni: http://www.buggianocastello.it/la-campagna-dentro-le-mura
info@buggianocastello.it

martedì 14 aprile 2015

CANADA state of mind.


ritrovo al Gelsa.


Pietro.


Jimbo.


Eze e Giulio.


Pannokkia e Kucio.


I Palaiesi.


on the road…


CANADA.




Link of the week. Volume 3.

L'uomo della settimana… e le sue foto.







venerdì 10 aprile 2015

Pasqua con chi vuoi.

Iniziati ufficialmente i festeggiamenti per i quattro anni della GasStationHouse.
Siamo bisestili… ahahahahah!!!

Domenica sera Gianni "The Blues Against Youth" ha incendiato LaMescita.
E l'aperitivo è durato fino alle 2,30 del mattino!!!


Numerooo!!!



Il giorno dopo sole e vento sulla Tearsvalley per la giornata B&B… Bikeriding&BBQ.


Ma l'hangover run all'Acquerino è stato ghiaccio marmato.
Non abbiamo esitato un attimo a tornare alla base.


E non è certo una novità che la stanza sia sempre e comunque il piano B perfetto.




Non sarà un cantiere al benzinaio a fermarci!



E' tornato a trovarci anche Gianni TBAY e non ha esitato ad imbracciare la sua chitarra di nuovo…




Ed ora ci aspetta la terra delle "prime nazioni".






ENTHUSIASM'S SLAVES

Oggi Marco Frino inaugura la sua mostra fotografica
intitolata ENTHUSIASM'S SLAVES 
presso SANREMO Motor Bike Show.

Si tratta di una selezione di immagini scattate durante le due edizioni del Tearsvalley Invitational e rimarrà esposta nella tre giorni di questo weekend dalle 9,30 alle 20,00.


“solo l'ossessiva passione per l'evoluzione delle due ruote custom porta alla costruzione di motociclette che raccontano epoche lontane ma attuali, come fossero un viaggio nel tempo.” 
è il tema conduttore  ed ogni scatto sarà accompagnato da alcune righe fruibili da un pubblico non necessariamente "ferrato" in materia. 

Complimenti a Marco per la sua professionalità pari solo alla sua passione per la fotografia ed alla sua umiltà.


sabato 4 aprile 2015

Last days of Ed Roth, April 4.


Last day.

chissà quante ne avrà combinate e ne starà combinando 
da quando non ne abbiamo più notizia.

Ed Roth vive!

"My whole life I felt like a weirdo.
But you made  being a weirdo koll.
Thank you!"
Henry Allen Jr.






venerdì 3 aprile 2015

Last days of Ed Roth, April 3.

Big Daddy era attratto da tutte le sottoculture giovanili ribelli.

La spiaggia non si sottraeva a questo interesse.

Onde e musica surf.

Alla fine, era "solo" intriso di California ai massimi livelli.

Surf Fink era il suo prediletto in mare. 


(Anche Buster Keaton vestiva la "Bosh" di Surfink!)


Con i suoi Mr. Gasser and the Weirdos, Roth nel '63.



Anche in mare non potevano mancare "croce surfer" ed elmetto!!!


Casco si, obbligo no!

giovedì 2 aprile 2015

Last days of Ed Roth, April 2.

Topolino era il "perfettino" per eccellenza.

Roth partorì l'anti-eroe.